• 24/10/2016
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su La Voce di Romagna, 24 ottobre 2016: Un’OraSì da urlo stende le Vu Nere

La Voce di Romagna, 24 ottobre 2016: Un’OraSì da urlo stende le Vu Nere

Una sempre più sorprendente OraSì espugna con grande merito l’Unipol Arena, candidandosi come rivelazione di questa A2 Est. Nulla da dire sul successo dei ragazzi di Martino, che prendono in mano il match sul finire del secondo quarto raggiungendo un vantaggio massimo di 19 punti durante il terzo periodo (70-51). Dal canto suo la squadra di Ramagli ha sicuramente fatto un passo indietro rispetto a quella vista finora, ma la favorita del tonreo avrà tempo e spazio per affermare la sua leadership. Dopo un avvio balbettante contrariamente al-l’OraSl che va subito a segno con Smith e Sgorbati e con Tambone che segnai! 10-4 dopo 3′ di gioco, la Virtus si riporta sotto sul 9-10. Masciadri però segna cinque punti consecutivi e allora Lawson comincia il suo show personale prima che Umeh regali il vantaggio a Bologna che con il duo a-mericano e con Michelori piazza un parziale di 15-2 per il massimo strappo sul 26-17 prima che Raschi dalla lunetta e poi da metà campo fissi il punteggio sul 21-26 di fine quarto. Michelori ancora in evidenza nel secondo parziale: suoi i sette punti che portano il punteggio sul 33-25, ma l’OraSì non ci sta e prima con Tambone e Marks da fuori, si tiene in corsa (35-29 al 14′). Lawson è immarcabile e va ancora a se-giro ma Marks e due volte Smith ribattono colpo su colpo riportando Ravenna a -3 al 16′ (35-38). Nuovamente Bologna avanti con il solito Lawson (16 punti) e Rosselli ma Ravenna è ispiratissima e con un parziale di 9-2 grazie a Masciadri, Marks e Smith perviene al pareggio in chiusura di tempo (44-44) ponendo le basi per la fantastica galoppata della ripresa. Dopo l’intervallo lungo, difatti, a suon di triple Ravenna allunga decisamente: i protagonisti sono Sgorbati e Masciadri che ritrova il tiro dalla lunga un po’ mancato nelle prime gare, Smith sotto i tabelloni a segnare e stoppare, Sabatini a rubare palla e segnare anche lui da tre confezionando il 18-4 di parziale che costtinge Ramagli al time out sul 62-48 al 24′ per l’OraSì. Si scalda anche Chiumenti che dalla lunetta e poi da sotto porta il vantaggio sul +19 grazie anche al canestro di Marks sul 70-51. Miche-lori segna sul rimbalzo offensivo, ma l’OraSì chiude avanti sul 70-53 con un 26-9 che fotografa drammaticamente il disagio dei padroni di casa. Nell’ultimo quarto Bologna produce una fiammata per cercare di riaprire la gara, ma Ravenna respinge La grande difesa OraSì al Paladozza con bravura il tentativo di riaggancio trovando sempre soluzioni a volte estemporanee, ma sempre frutto di un lavoro paziente e lucido con Smith a gareggiare con Lawson per MVP della serata. L’Orasi non è mai in affanno chiudendo virtualmente il match con Marks da tre e Smith a rimbalzo d’attacco sul +18 (85-67 al 37′) con il finale sul 90-75. MVP Lawson (27 punti con 10 rimbalzi e +30 di valutazione) ma Smith (8/9 da due, 9 rimbalzi e 3 stoppate con +23 di valutazione) non è stato da meno dimostrando che se contro la Fortitudo non fosse stato debilitato dalla febbre anche domenica scorsa il colpaccio sfiorato si sarebbe potuto verificare. Maurizio Coreni


Comments are closed.