• 24/10/2016
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Il Resto del Carlino, 23 ottobre 2016: OraSì, assalto al tempio che fu di Danilovic

Il Resto del Carlino, 23 ottobre 2016: OraSì, assalto al tempio che fu di Danilovic

GLI SCHERZI del calendario hanno messo le due trasferte bolognesi sulla strada dell’OraSì una dopo l’altra e i ragazzi di Antimo Martino si preparano a vivere la seconda sfida a Basket City a distanza di sette giorni. Questa sera alle ore 18 saranno di scena all’Unipol Arena in casa della capolista Virtus Bologna e il pronostico non può che essere mtto a favore dei padroni di casa. Coach Ramagli ha a sua disposizione una fuoriserie per questa categoria: una squadra che segna tanto. 83 punti a partita col migliore attacco a Est, e subisce poco, appena 67 punti. Ma le cifre non finiscono qui: i due americani Law-son e Umeh portano alla causa 40 punti ogni domenica e il primo viaggia in doppia doppia dall’inizio del campionato, mettendo sul piatto anche 11 rimbalzi. Inoltre la Virtus e la squadra che raccoglie più rimbalzi, 40 a partita, e che ha la valutazione più alta del girone Est. In casa ha già battuto Piacenza e letteralmente demolito Mantova, proprio domenica scorsa, 92-64. «STIAMO per vivere un’altra trasferta affascinante contro una delle squadre storiche della pallacanestro italiana – ammette coach Martino -, una squadra che può contare su un roster saggiamente costruito e su uno staff tecnico che considero un lusso per questa categoria. Il fatto che siano partiti bene non mi stupisce, anche se non era scontato perché non è mai facile trovare subito gli equilibri quando si ha a che fare con una squadra rinnovata e con un nuovo capo allenatore. Bologna può contare su giocatori di maggiore esperienza e talento per cui siamo coscienti che ci aspetta una partita difficile. Dovremo cercare con energia, intensità e concentrazione di colmare il gap esistente tra le due squadre, per provare a mettere in difficoltà una delle squadre candidate ad avere un ruolo da protagonista in questo campionato». Capitan Raschi e ben deciso a giocarsela lino all’ultimo e con le sue parole cerca di caricare tutto l’ambiente. «Ci aspetta una partita ricca di fàscino – afferma – con una squadra che ha fatto la storia del basket italiano, in un campo dove sono stati di casa giocatori del calibro di Danilovic e Rigaudeau. La Virtus ha due americani di spessore come Umeh, esperto del nostro campionato, e Lawson che si sta dimostrando decisivo in questa categoria. Vicino a loro un bel mix di giovani e italiani esperti formano una squadra di livello assoluto». Stefano Pece


Comments are closed.