logo
  • 14/08/2019
  • Commenti disabilitati su Rassegna stampa 14 agosto: Corriere Romagna

Rassegna stampa 14 agosto: Corriere Romagna

OraSì, lunedì 26 è il primo giorno per abbonarsi
OraSì, completata la squadra con il ritorno di Chiumenti (salvo colpi dell’ultimo momento), ora è il momento di “fare” i nuovi abbonati.
Partirà ufficialmente lunedì 26 la campagna abbonamenti per la prossima stagione e l’obiettivo della società è sfondare quella quota 1.203 che costituisce il record, fatto registrare la scorsa stagione, con tempistiche e modalità in fase di definizione. Per rendere ancora più stretta la vicinanza tra tifosi e la rinnovatissima rosa rispetto alla scorsa stagione (anche il giovane Fadilou Seck sembra in procinto di salutare Ravenna con direzione Scauri in B) la società ha raddoppiato i momenti di incontro: all’allenamento a porte aperte di giovedì 22 agosto si è aggiunto infatti l’aperitivo di mercoledì 28 alle 20 al Darsenale, il nuovo locale che si affaccia sul Candiano.
Agostino Galegati


  • 14/08/2019
  • Commenti disabilitati su Rassegna stampa 14 agosto: La Nuova Ferrara

Rassegna stampa 14 agosto: La Nuova Ferrara

Kleb, rivali made in Usa Ecco tutti i big dell’A2
L’ASSE PLAY-PIVOT
C’è chi ha puntato sul classico asse play-pivot a stelle e strisce, chi invece ha deciso di orientarsi sulla guardia con punti nelle mani e un lungo; c’è chi ha scelto l’usato sicuro e chi di puntare su giocatori appena usciti dai college americani. La cosa sicura è che chi avrà indovinato la coppia Usa, avrà fatto una bella fetta del lavoro per gli obiettivi prefissati.
Alla ripescata Caserta hanno deciso di non scommettere sugli stranieri: dentro il bomber Isaiah Swann, che a Ferrara conoscono molto bene (contratto biennale per l’ex biancazzurro) e il lungo bianco Mike Carlson che era a Latina l’anno passato. Sicuramente una coppia ben assortita per una compagine che punterà a disputare un campionato tranquillo. A Forlì, oltre al conosciutissimo Erik Rush, hanno aggiunto un giocatore che ama smazza-re assist ai compagni di squadra come se non ci fosse un domani: parliamo di Maurice “Mo” Watson, l’anno scorso stella del campionato olandese e pronto a diventarlo pure del secondo campionato italiano. Dal re degli assist, a quello delle stoppate ormai pronto a firmare con la neopromossa Urania Milano: si tratta di Reggie Lynch, 24enne centrane che l’anno passato ha vinto il campionato estone primatista in punti, rimbalzi e stoppate (anche 11 in una singola gara). Centimetri (208) e chilogrammi (118) al servizio dei lombardi.
USATO SICURO
Ritornando sufi’ usato sicuro, Imola, Mantova e Piacenza hanno fatto le cose in grande. In Romagna hanno confermato Tim Bowers (molti punti nelle mani) e firmato il lungo ex Mantova Anthony Morse. Nella città di Virgilio hanno formato una delle coppie straniere più affidabili: il play Clarke (ex Trapani) e il pivot Lawson (ex Forlì). Anche a Piacenza l’asse play-pivot sarà a stelle e strisce: dopo aver confermato il lungo Ogide, visto anche a Roseto, a fungere da play e da realizzatore ci sarà l’ex Verona Ferguson. Attenzione pure a San Severo, che ha ingaggiato l’esterno Tre Demps, già visto a Cremona: un altro giocatore che potrebbe alzare il tasso tecnico del girone Est. La corazzata Verona ha virato su due esterni diprim’or-dine: Love e Hasbrouck. Impossibile fare classifiche a ferragosto, ma di certo Watson di Forlì, Lynch di Milano e Potts, neo bomber di Ravenna (in Corea del Sud l’anno passato), fanno sognare le rispettive tifoserie. Ferrara aspetta a di abbracciare il suo “Suki” Wiggs per poter sognare.
Lorenzo Montanari


  • 14/08/2019
  • Commenti disabilitati su Rassegna stampa 11 agosto: Corriere Romagna

Rassegna stampa 11 agosto: Corriere Romagna

La felicità di Chiumenti fa rima con l’entusiasmo della nuova OraSì: «La chiamata di Ravenna mi ha emozionato tantissimo: sorpreso dall’affetto dei tifosi»
Riecco Alberto Chiumenti. Dopo un solo anno di separazione, il giocatore vicentino torna alla base e dal momento in cui la società ne ha dato notizia i tifosi hanno subito commentato in termini entusiastici sui social il ritorno di “Chiumo”, pronto ad intraprendere questa nuova sfida sotto i tabelloni al fianco di Thomas nella società con la quale ha raggiunto una semifinale play off ed una finale di Super-coppa. 
Le prime parole di Chiumenti
Dopo la stagione disputata a Cento con un rendimento in linea con le precedenti ma conclusa con un’amara retrocessione sono queste le sue riflessioni: «L’esperienza vissuta lo scorso anno è stata molto formativa perché a memoria non avevo mai disputato un campionato con così tante difficoltà nonostante il presidente abbia fatto di tutto per onorare gli impegni e salvare la categoria ed è stata u-na vera mazzata retrocedere dopo che con l’avvento di Bechi e il ritorno di White il gruppo era molto in fiducia e convinto di riuscire a salvarsi. Ho disputato un campionato discreto e in linea con i precedenti».
La chiamata di Ravenna
Il neo giallorosso parla così del suo ritorno: «È stata un’estate strana perché quando si è reduci da una stagione non positiva per la tua squadra il mercato ne risente e le proposte che mi sono arrivate non mi coinvolgevano emotivamente e siccome so di essere una persona che ha bisogno di certi stimoli per dare il meglio di sé firmare alla fine per Ravenna è stata l’opzione più appagante e convincente. La
chiamata della società mi ha emozionato molto e per questo ringrazio il presidente Vianello, il direttore Trovato per la fiducia accordatami ed anche i tantissimi tifosi con i quali mi ero lasciato in buonissimi rapporti ma l’entusiasmo che mi hanno manifestato in questi giorni, confesso, non me lo sarei mai aspettato in questi termini».
La squadra
Chiumenti giudica così la squadra giallorossa: «Aparte Thomas che ho affrontato d’avversario e lo ritengo fortissimo ho il piacere di tornare a giocare insieme a Venuto, mio compagno per quattro stagioni all’Assigeco con il quale mi unisce una grande amicizia ed una grande stima per un giocatore molto simile a me caratte-rialmente e che sicuramente si troverà in grande sintonia con il pubblico ravennate che so
quanto apprezzi non i primattori ma i giocatori umili che si adoperano per il bene della squadra. Oltre a Marco ho giocato anche con Marino che ho già sentito molto carico, quindi questa OraSì ha le carte in regola per fare bene».
Il sogno
Chiumenti chiude con un sogno nel cassetto. «Quello di risiedere un giorno stabilmente a Ravenna. In Italia esistono tanti posti belli nei quali vivere ma il modo di proporsi dei romagnoli penso sia qualcosa di speciale. E Ravenna è super in tutti i sensi. Il mio sogno
è quello di risiedere un giorno stabilmente a Ravenna».
Maurizio Coreni


  • 14/08/2019
  • Commenti disabilitati su Rassegna stampa 1 agosto: Corriere Romagna

Rassegna stampa 1 agosto: Corriere Romagna

L’OraSì piazza il colpo Giddy Potts
Si completa con il botto il settore esterni dell’OraSì. Da ieri mattina la talentuosa guardia americana Giddy Potts è ufficialmente un giocatore di Ravenna. La trattativa è andata in porto dopo un inseguimento che è durato qualche giorno fino al classico, sospirato nero su bianco.
Potts è un giocatore di grande prospettiva, visti i suoi 24 anni da compiere l’8 agosto, ma anche dal solido bagaglio tecnico come spiega il dg Julio Trovato. «E’ un giocatore che abbiamo fortemente voluto – premette – ma all’inizio, sia dal punto di vista tecnico, scendere in A2 per lui non sembrava un’opzione, che economico, sembrava essere al di fuori della nostra portata. Invece grazie a un ulteriore intervento del nostro presidente e del nostro sponsor principale siamo arrivati a un compromesso che ci ha permesso di acquisire un giocatore giovane, esplosivo, che sa essere polivalente sia fronte che spalle a canestro grazie a un fisico comunque importante (188 centimetri per quasi 100 chili di peso, ndr) ma che ha nel tiro da fuori, nel gioco in penetrazione e nell’amministrazione del pallone le proprie doti principali che erano poi quelle
che cercavamo. Abbiamo completato i “piccoli” e credo che anche con Jurkatamm abbiamo un’ ulteriore carta di completezza per il nostro assetto». Potts ha giocato la scorsa stagione all’Incheon Et Land in Corea del Sud, segnando 19 punti di media a partita, con 5.6 rimbalzi all’attivo. È cresciuto nei Blue Raiders, team collegiale dell’Università di Middle Tennessee State e ha preso parte alla Summer Lea-gue 2018 con i Toronto Raptors. Potts, insieme al connazionale Thomas, sarà a Ravenna nelle prossime settimane per ritrovarsi con la squadra lunedì 19. Per trovare la quadratura del cerchio manca ancora il nome del pivot titolare che sarà a maggior ragione italiano ma la rosa dei pretendenti sta perdendo ogni giorno nuovi petali (Pellegrino è approdato alla Reyer Venezia). «Abbiamo individuato diverse possibili trattative ma ancora non abbiamo nessuno sviluppo concreto. Purtroppo la situazione attuale di Cardillo ci limita a livello di budget ma queste trattative non sono strettamente legate a una sua eventuale partenza. Diliegro? Certo sarebbe un giocatore importante, che conosce la categoria e che risponderebbe alle caratteristiche che cerchiamo ma allo stato attuale per noi è fuori budget». A questo punto quindi, la soluzione più logica sembra quella del ritorno di Alberto Chiumenti, che a Ravenna ha già giocato dal 2016 al 2018, mentre l’anno scorso ha vestito la maglia di Cento. Prima però bisognerà trovare una collocazione per il lungo Fadilou Seck.
Agostino Galegati


  • 31/07/2019
  • Commenti disabilitati su Rassegna stampa 25 luglio: Il Resto del Carlino

Rassegna stampa 25 luglio: Il Resto del Carlino

Il presidente Vianello: «Iniziare subito a Forlì, proprio un bello scherzo. Non me lo sarei mai aspettato»
«Certo che con questo calendario di partite ci hanno fatto proprio un bello scherzo. Non mi sarei mai aspettato di iniziare subito con la siìda più sentita dai nostri tifosi, quella contro Forlì». Così, con un sorriso, il presidente del Basket Ravenna, Roberto Vianello ha commentato ieri il calendario del girone Est che ha messo alla prima giornata, domenica 6 ottobre, il derbissimo romagnolo. «Al di là delle battute – ha proseguito il patron – sarà indubbiamente una sfida tutta da vedere perché entrambe le squadre, naturalmente, saranno ancora in rodaggio e quindi sia noi che Forlì affronteremo il confronto con tante incognite. E come se non bastasse, il debutto casalingo, sette giorni più tardi, prevede un altro derby regionale sentito e cioè quello contro Ferrara. Un bell’inizio non c’è che dire». Anche perché la terza giornata prevede poi la trasferta sul campo dell’ambiziosa Verona per tornare poi al Pala De André per affrontare, per la prima volta, la squadra di Caserta (sempre che la sua ammissione alla serie B sia confermata). Mercoledì 30 ottobre ci sarà il primo turno infrasetttimanale con la trasferta a Piacenza, a cui seguirà il 3 novembre il derby a Imola. Il girone di andata poi si concluderà il 15 dicembre con la gara casalinga contro Montegranaro e domenica 22 via al girone di ritorno con il derby contro Forlì al Pala De Andrè. Da notare che OraSì e Unieuro si affronteranno due volte in un mese, perché domenica 8 settembre a Ravenna ci sarà la sfida valida per la qualificazione alla Supercoppa. «Dove si giocherà questo derby? Ancora non lo sappiamo -ha risposto Vianello – stiamo cercando una giusta collocazione per una gara così sentita. E per la quale c’è grande attesa e curiosità tra i tifosi. Dispiace non avere a disposizione un palasport adatto in città. Vedremo..».
E per quanto riguarda le ultime operazioni di mercato, «per il lungo italiano dipende dalla partenza o meno di Cardino, mentre per il secondo americano abbiamo diverse possibilità che stiamo valutando».
Luca Suprani