logo

Auguri al presidente Roberto Vianello

Giornata di festa in casa Basket Ravenna.
Oggi infatti ricorre il compleanno del presidente Roberto Vianello, deus ex machina della grande ascesa della pallacanestro cittadina, arrivata da tempo a vertici neppure immaginati soltanto fino a un decennio fa.
Nonostante la ricorrenza, il presidente ha trascorso l’intera mattinata al lavoro nei suoi uffici assicurativi, dove tra l’altro ha ricevuto anche la visita del d.g. Trovato e di coach Cancellieri.
Staff tecnico e societario, giocatori e tifosi del Basket Ravenna inviano i loro più sinceri auguri al presidente.


  • 24/06/2019
  • Commenti disabilitati su Italia 3×3 eliminata agli European Games

Italia 3×3 eliminata agli European Games

European Games di Minsk poco fortunati per le rappresentative azzurre, visto che sia la Nazionale maschile che quella femminile di basket3x3 non hanno superato la prima fase di qualificazione. Gli azzurri, con il ‘ravennate’ Masciadri nella rosa, hanno infatti perso contro l’Ucraina per 21-16 e contro la Francia per 22-13. Le azzurre hanno perso contro la Serbia per 18-17 dopo un supplementare e contro la Russia per 21. Per il capitano dell’OraSì 2018/19 si è comunque trattato di un’esperienza molto positiva ed interessante in un contesto davvero importante e competitivo.


  • 22/06/2019
  • Commenti disabilitati su Stefano Masciadri scrive per noi direttamente dagli ‘European games’

Stefano Masciadri scrive per noi direttamente dagli ‘European games’

C’è anche un pezzo di OraSì Basket Ravenna agli European Games che sono appena iniziati a Minsk, in Bielorussia: della rappresentativa maschile di basket 3×3, infatti, fa parte anche il capitano giallorosso Stefano Masciadri. ‘Mascio’ racconta per i tifosi e gli amici di Ravenna le sue prime ore in un contesto così prestigioso ed importante: “Sono qui agli European Games, quindi ad una manifestazione multisportiva che riguarda solo nazioni europee. Abbiamo perso ieri contro la Russia 22-15, ma i nostri avversari sono secondi nel ranking di tutto il tabellone e quindi la missione era quasi impossibile. Poi è arrivata una sconfitta 21-16 contro l’Ucraina ma giocando sempre alla pari e in crescita. Ora ci sarà il match con la Francia e vorremmo portare a casa almeno una vittoria per tutta la gente che è arrivata qui e che ci sostiene. Partivamo come 14esimi nel ranking, quindi abbiamo beccato un girone di ferro che ci sta rendendo il compito molto arduo. Ma comunque posso dire che si sta trattando dell’esperienza più bella della mia vita…essere in mezzo a tutta Europa, poterti confrontare e guardare campioni che si allenano per me, che vivo di sport, non ha prezzo”. Grazie Capitano, in bocca al lupo.


  • 21/06/2019
  • Commenti disabilitati su Cambia ancora la serie A2, Legnano ha ceduto i diritti a Napoli

Cambia ancora la serie A2, Legnano ha ceduto i diritti a Napoli

Era nell’aria, adesso è realtà. La serie A2 perde anche Legnano, che si auto-retrocede in C Gold e cede il diritto a Napoli. Ecco come la stampa locale ha commentato la notizia:
“Legnano riparte dalla casella di partenza dell’era Tajana. Ufficiale la cessione del titolo sportivo di Serie A2 a Napoli da parte degli Knights, che ripartiranno dalla Serie C Gold, punto iniziale della quindicennale scalata guidata dall’ attuale presidente. «Torniamo alle origini senza essere mai retrocessi,
non per demeriti sportivi ma per inderogabili necessità economiche – afferma Tajana -. L’esperienza in A2 ci ha dato cinque anni di
spettacolo dentro e fuori dal campo al PalaBorsani, ma non c’erano più le condizioni per proseguire». Nonostante i 43mila euro
raccolti dall’iniziatica In Kinghts We Trust, le risorse garantite dagli sponsor non hanno raggiunto la massa critica sufficiente
per indurre Tajana a partecipare nuovamente alla A2.
«Ringrazio i cinquanta sostenitori del trust, che entro
15 giorni saranno rimborsati; servivano però risposte diverse dagh sponsor, senza garanzie di coperture non me la sono sentita di
iniziare un’altra stagione». Una decisione oltremodo
dolorosa («Prima di schiacciare il tasto dell’iPad che avrebbe dato l’ok alla cessione, sono rimasto fermo per 50 minuti sul treno di ritorno da Napoli, tant’è che l’avvocato della controparte mi ha chiamato preoccupato») ma inevitabile alla luce di una serie di
fattori combinati che Tajana enumera: «Il rammarico maggiore è che in questi anni sono sempre stato solo; ci ho messo tante risorse, tantissime nelle ultime stagioni per ripianare i mancati pagamenti da alcuni sponsor, ma con due o tre soci forti che ho sempre
cercato sarebbe stato tutto diverso».
Le altre cause sono di natura esterna: «Contesto fortemente il passaggio della Serie A2 da 32 a 28 squadre, contro il quale mi ero
battuto in LNP, che ha ulteriormente alzato i costi, aspetto al quale ha contribuito anche chi ha giocato con i soldi del Monopoli».
Inoltre c’è il problema generale della crisi economica: «Il primo anno di A2 avevamo sponsor per 750mila euro, l’anno scorso sono scesi a 550mila euro, nonostante l’ottimo lavoro di Antonio Fagotti,
senza il quale non avremmo potuto disputare l’ultima stagione chiusa comunque con una brillante salvezza sul campo».
C’è anche un passaggio sull’annosa questione palazzetto: «Sarei ipocrita se attribuissi il problema alla mancanza di impianto in
città; resta il fatto che il problema sollevato da me già 15 anni fa è rimasto insoluto con colpe politiche trasversali e una situazione indegna di una città come Legnano». In ogni caso Legnano continuerà a esistere con prima squadra e giovanili: «Sono in corso trattative con l’Urania alle quali daremo seguito solo se ci permetteranno di dare continuità aUa A2 a Legnano – spiega Tajana -. In ogni caso ripartiremo dalla C Gold giocata al PalaKnights, manterremo il progetto AB A e l’intera attività giovanile. Non escludo che fra
uno o due anni se ci saranno le condizioni si possa puntare nuovamente più in alto». L’opzione Ura-Gnano sembra però in forte calo, l’intesa mancata sul numero delle partite al PalaBorsani spinge i milanesi a fare
da sé (possibile ritorno nel
basket di Anna Cremascoli, ex proprietaria di Cantù e
cugina di Ettore presidente
deh’Urania?) L’unico a far
rotta verso Milano potrebbe essere Antonio Fagotti.
G.S.


  • 20/06/2019
  • Commenti disabilitati su Ecco la nuova A2, aspettando ripescaggi e titoli ceduti

Ecco la nuova A2, aspettando ripescaggi e titoli ceduti

E’ stato ufficialmente definito il quadro della nuova serie A2, ma in attesa della suddivisione nei due gironi sono attese altre novità, come ad esempio il probabile ripescaggio di San Severo visto che la Bakery dovrebbe rinunciare e la possibile cessione del titolo da parte di Legnano. Sono queste, comunque, le squadre ammesse al momento:
XL EXTRALIGHT PODEROSA MOMTEGRANARO
TEZENIS VERONA
GSA UDINE
UNIEURO FORLÌ’
POMPEA MANTOVA
CIMOROSI ROSETO
ORASI’RAVENNA
LE NATURELLE IMOLA
BONDI FERRARA
ASSIGECO PIACENZA
REALE MUTUA BASKET TORINO*
BENFAPP CAPO D’ORLANDO
REMER BLU BASKET TREVIGLIO
BERGAMO
ZEUS ENERGY GROUP RIETI
EDILNOL PALLACANESTRO BIELLA
NOVIPIU’ CASALE MONFERRATO
BENACQUISTA LATINA
2BC0NTR0L TRAPANI
M RINNOVABILI AGRIGENTO
GIVOVA SCAFATI
LEONIS EUROBASKET ROMA
BERTRAM TORTONA
AXPO LEGNANO
SUPER FLAVOR URANIA MILANO
AGRIBERTOCCHI ORZINUOVI
UNIBASKET AMATORI PESCARA
Ripescata**
NOTA* Trasferimento Academy Cagliari a Torino in attesa ratifica Consiglio federale.
NOTA** Ordine di ripescaggio al posto di Auxilium Torino: 1. BAKERY PALLACANESTRO PIACENTINA; 2. CESTISTICA SAN SEVERO; 3. BALTUR BENEDETTO XIV CENTO.