logo
  • 14/05/2019
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Rassegna stampa 14 maggio: Corriere Romagna

Rassegna stampa 14 maggio: Corriere Romagna

RAVENNA
AGOSTINO GALEGATI
OraSì, è il tempo del silenzio, dei ragionamenti e delle analisi
presidenziali. Il presidente Roberto Vianello sta ancora prendendo tempo per valutare con tutte le attenzioni del caso quello che è stato o non è stato fatto nella stagione andata agli archivi con il ritorno nei play-off ma anche con tanti se e tanti ma. Almeno a caldo l’aria di rivoluzione sembrava spirare in viale della Lirica ma i contratti in essere sono importanti, con il dg Julio Trovato e il tecnico Andrea Mazzon, entrambi legati per altre due stagioni fino al 2021. Il guerriero a riposo Il terzo tassello per il teorico
mosaico dei contrattualizzati è sul campo: si tratta di “Spartacus”, come viene soprannominato, Marco Cardillo (contratto fino al 2020), l’ultimo a sotterrare l’ascia di guerra nella sfida con Capo D’Orlando, esaurita in tre soli atti. Per l’ala piccola una media
superiore alla doppia cifra come punti e tantissima presenza
anche a rimbalzo oltre al solito carico di responsabilità dal
punto di vista difensivo. «Il rammarico per non essere riusciti a dare una soddisfazione in casa ai nostri tifosi è grande –
sottolinea il guerriero campano – per allungare almeno alla
quarta partita la serie, credo che ce lo saremmo meritati tutti. Purtroppo Capo d’Orlando ha confermato tutta la propria
forza con tre americani di valore assoluto, visto che oltre a Parks e Triche ha anche Trapani, che considero un americano a tutti gli effetti. Nell’arco delle tre sfide siamo rimasti in partita solo a tratti e quando sono arrivate le loro folate abbiamo fatto veramente fatica a resistere. Certo l’assenza di Luca (Gandini, ndr) si è fatta sentire sia dal punto di vista tecnico sotto i tabelloni che dal punto di vista umorale. Si può dire che abbiamo affrontato l’avversario peggiore nel momento peggiore ma abbiamo dato veramente tutto e dobbiamo rendere merito agli avversari.
Guardando per un momento indietro, alla stagione regolare, la nostra classifica poteva essere migliore con quei 4-6 punti
in più che sarebbero venuti senza sconfitte anche impreviste
(il riferimento agli stop contro Bakery e Cagliari sembra evidente, ndr) ma ormai questo è il passato. Va comunque in archivio una stagione da voto alto in pagella visto che abbiamo centrato l’obiettivo prefissato, quello di far tornare Ravenna
nei play-off». Sguardo al futuro Al di là del contratto in essere
Cardillo ha le idee chiarissime. «Mi sto trovando benissimo a
Ravenna, sia come ambiente che nei rapporti con allenatore
e società. Vorrei restare innanzitutto per proseguire nel progetto che abbiamo iniziato nell’agosto scorso. Dal mio punto di
vista, penso che ci siano tutte le condizioni per fare ancora meglio nella prossima stagione».
L’ala giallorossa promuove la stagione: «Abbiamo centrato l’obiettivo prefissato>>.


Comments are closed.