• 30/03/2019
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Rassegna stampa 30 marzo: Corriere Romagna

Rassegna stampa 30 marzo: Corriere Romagna

RAVENNA
MAURIZIO CORENI
L’Orasi ha in casa un giocatore che fin dal suo arrivo a Ravenna, ha fatto parlare molto di sé. Si
tratta di Mikk Jurkatamm, ala del 2000 in prestito dalla Virtus Bologna dove è entrato la scorsa
stagione nel giro della prima squadra. Etichettato fin da subito come un predestinato, il giovanissimo estone, dopo un avvio molto promettente e un periodo di rallentamento coinciso con le difficoltà della squadra, sta ritrovando sempre più spazio e considerazione da parte di coach Mazzon che nelle ultime gare
l’ha inserito sempre nello starting five. Un chiaro segno di quanto il tecnico creda in questo
ragazzo schivo e silenzioso ma fortemente determinato a inseguire i suoi sogni lavorando duro in palestra e affrontando senza timori reverenziali avversari superiori per stazza fisica ed esperienza come è stato Rice domenica scorsa. «È un giocatore veramente tosto – risponde con un sorriso – e non è stato facile cercare di limitarlo. Credo mi sia servito parecchio l’allenamento con giocatori fisici come Cardillo o veloci come Smith o anche Montano che mi hanno aiutato a non farmi trovare impreparato
contro avversari di queste caratteristiche».
Il suo ambientamento, considerando i progressi mostrati, sta procedendo in modo
spedito, ma non lo distrae certamente dai suoi obiettivi personali. «Per la mia crescita questo è un
anno fondamentale: cerco di diventare un vero giocatore devo commettere meno errori ma questa stagione
per me è positiva e il coach mi sta dando in un momento importantissimo della
stagione dove ci giochiamo l’accesso ai play-off».
Nonostante la sua giovane età, dimostra di avere le idee chiare sul suo futuro. «Sinceramente non mi aspettavo una stagione così positiva a livello personale ma sto lavorando
duramente dal primo giorno di ritiro, consapevole che per diventare un vero giocatore dovrò cercare di limitare il più possibile gli errori: domenica scorsa, infatti, quelle due palle perse per avere pestato la linea laterale mi procurano ancora tanta rabbia».
Le ultime prestazioni fotografano la squadra in grande crescita: una condizione indispensabile per provare a giocarsela domenica in casa di un’avversaria come Verona.
«Sarà una gara complicata – ammette Mikk- che però affronteremo con la consapevolezza di avere trovato finalmente una nostra precisa identità di squadra che mi fa dire che non partiremo certo battuti
in partenza». In quest’ottica diventa scontato il suo sogno nel cassetto. «Per quest’anno, come quello di tutti i miei compagni, è conquistare i play-off, poi penserò al futuro».


Comments are closed.