• 14/12/2015
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su La Voce di Romagna, 14 dicembre 2015: L’OraSì prende a sassate Matera

La Voce di Romagna, 14 dicembre 2015: L’OraSì prende a sassate Matera

POKER IN TRASFERTA Ravenna si conferma bella lontano dalla Romagna. Soffre nel primo tempo, poi una volta trovate le contromisure alla Bawer gestisce il vantaggio fino alla fine A cambiare l’inerzia è un gioco da quattro punti di Raschi prima dell’intervallo MATERA L’OraSì dimostra di essere una macchina perfetta lontano dal Pala De André vincendo per la quarta volta in trasferta, sbancando con qualche patema di troppo il campo dell’ultima della classe Bawer Matera. I lucani giocano un ottimo primo tempo, tirando con percentuali ben al di sopra del consueto e giocando una buona pallacanestro (l’americano Chase ha dovu- to rinviare il debutto per i soliti problemi burocratici legati al visto), ma quando Ravenna entra in partita mostrando la solita organizzazione di gioco, cala il sipario sul match. L’OraSì deve rinunciare a Cicognani, rimasto a Ravenna per un problema al ginocchio, ma salvo imprevisti domenica prossima ritornerà disponibile. LA PARTITA L’inizio di gara è tutto di marca Bawer con Corral che è fin troppo indigesto per la difesa ravennate e così coach Martino deve chiamare time out al 5′ sull’8-11, sei di questi segnati dal lungo. L’inerzia della gara non cambia, con l’OraSì che fatica in difesa e Matera che trova canestri dalla lunga distanza ed è proprio una tripla di Hamilton a fissare il 32-21 al 12′. Ravenna prova a rifarsi sotto, ma Okoye regala il massimo vantaggio sul 37-25. Basta però una reazione d’orgolio dei ravennati per far crollare le speranze della Bawer, mostratasi decisamente sopra i soliti standard di gioco fino a quel momento. Un break di 6-0 vale il 31-37, ma l’episodio chiave è un gioco da quattro punti di Raschi che porta gli ospiti sotto di quattro punti (35-39) lo stesso scarto con cui si arriva all’intervallo: 41 -37. Al rientro in campo cambia la musica e il match si tinge di gial-lorosso. Masciadri con una tripla sigla il primo vantaggio (47-46) al 24′, dando il via ai frombolieri bizantini. Ci pensano poi Raschi e Casini a segnare dalla lunga distanza e la ciliegina sulla torta la mette Smith per il 62-56. Un vantaggio che non verrà più colmato. D colpo del ko lo piazza Deloach (15 punti per lui nell’ultimo quarto) con la tripla del 69-58 che spegne ogni speranza pur se mancano ancora sette minuti alla fine. Matera dimostra di avere le idee confuse e poi ci pensa Bertocco a rendere la situazione ancora più negativa, beccandosi un antisportivo evitabile. Dalla lunetta capitan Rivali rimette poi le cose a posto. La Bawer ha l’ultimo sussulto d’orgoglio spingendosi a 52″ dalla fine sul 75-81 con un tiro dai 6,75 di Rugolo, ma è un fuoco di paglia, perchè poi deve ricorrere al fallo sistematico su Rivali. Il capitano piazza un 4/4 e chiude i giochi. Nel finale va in lunetta anche Malaventura confezionando un perfetto 17/17 ai liberi per i ravennati.


Comments are closed.