• 12/09/2015
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Il Resto del Carlino, 12 settembre 2015: OraSì in campo col freno tirato

Il Resto del Carlino, 12 settembre 2015: OraSì in campo col freno tirato

UN’ORASÌ a corrente alternata cede 64-71 a una Fmc Ferentino che si dimostra più avanti fisicamente e soprattutto più intensa nel complesso dei 40 minuti. Al Memorial Leonelli-Manetti Ravenna, con Deloach a mezzo servizio a causa dei postumi dell’infortunio e uno Smith ancora troppo morbido, insegue per tutta la partita e non riesce a ricucire lo strappo subito nel secondo quarto. Dopo un sostanziale equilibrio nel primo quarto infatti, è Ferentino la prima a fare la voce grossa. La formazione laziale inizia a pressare a tutto campo e confonde le idee a un’OraSì che fa molta fatica a imbastire l’azione. In difesa poi gli ospiti stringono le maglie e per i giallorossi costruire buoni tiri diventa un’impresa. Quando ci riescono, sia dall’arco dei tre punti che da dentro l’area, le percentuali non fanno sorridere. Dall’altra parte invece, Ferentino è implacabile dalla media distanza, complice una certa mollezza della difesa romagnola, e sui punti di Raspino, Gigli e Imbrò schizza sul 37-24 che chiude la prima parte. IL COPIONE cambia nel terzo quarto con le due squadre che si sfidano dall’arco dei 6,75 dopo un’asfittica prima parte nel tiro dalla distanza. Questo anche perché Ferentino sporca le trame di passaggio dei giallorossi, che faticano quindi a penetrare. Smith non riesce a portare blocchi significativi per i compagni e anche sotto canestro non riesce a incidere. Masciadri subisce la fisicità di Raymond e Carnovali dall’arco segna il+16 (35-51). LA BATTAGLIA a suon di triple quindi finisce 4-4 con Raschi grande protagonista per Ravenna. E lui a tenere viva la speranza nel momento peggiore (47-58). I giallorossi tentano il tutto e per tutto nell’ultima frazione. Nonostante il momento piuttosto negativo di Smith, una bomba di Masciadri e un Rivali un gradino sopra a tutti, permettono all’OraSì di tornare in gioco (61-64) a metà tempo. È il momento migliore per Ravenna ma non basta, perché le ultime schermaglie premiano Bulleri e compagni (64-71). Oggi i giallo-rossi giocheranno la finalina per il terzo e quarto posto contro Treviso. Stefano Pece


Comments are closed.