• 01/09/2015
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Il Resto del Carlino, 1 settembre 2015: “Il sogno è arrivare a mille abbonati”

Il Resto del Carlino, 1 settembre 2015: “Il sogno è arrivare a mille abbonati”

DA IERI la campagna abbonamenti al campionato del Basket OraSì Ravenna è aperta a tutti e in società c’è soddisfazione per l’andamento della vendita delle tessere. La fase di prelazione riservata ai vecchi abbonati ha portato a un lusinghiero 92% di rinnovi (lo scorso anno gli abbonati erano 753) e il margine rimanente è legato ai ragazzi delle giovanili che con tutta probabilità rinnoveranno in seguito. «Siamo soddisfatti del risultato – spiega il direttore generale Mauro Montini – Adesso comincia una fase nuova in cui dovremo avvicinare ancora più persone a questa squadra. Dovremo destare il loro interesse e settembre sarà il mese più importante per riuscire ad allargare la base dei nostri abbonati». Vi siete dati un obiettivo numerico? «”Un obiettivo preciso no, ma il nostro sogno sarebbe di partire da una base di mille abbonati o, perché no, superare questa cifra. Tuttavia questa è una situazione nuova per Ravenna, perché non esistono parametri di riferimento. Vogliamo riempire il ‘De André’ al di là degli abbonamenti, quindi la nostra battaglia durerà tutto l’anno per convincere nuovi tifosi». Magari in questo senso le amichevoli possono aiutare per far conoscere la squadra visto che è completamente rinnovata. «Certamente aiutano, ma noi puntiamo al campionato trasformando ogni appuntamento casalingo in un evento. Soprattutto la la giornata di campionato, col derby con Ferrara, può offrire più di un motivo di interesse per venire a vedere l’OraSì». INTANTO la squadra ha cominciato la serie dei test amichevoli in vista del 4 ottobre, data di inizio del campionato. E sebbene i risultati di queste gare lascino il tempo che trovano, emergono indicazioni sui progressi del gruppo. Coach Martino, quali indicazioni ha tratto dall’impegno di sabato scorso a Santarcangelo? «Più o meno quelle che mi attendevo. Siamo in un momento in cui le gambe sono ancora pesanti, perché i carichi di lavoro sono ancora ingenti. Infatti abbiamo sostenuto una seduta di allenamento anche la mattina dell’amichevole. I ragazzi comunque hanno messo in pratica alcune cose che stiamo provando e ho visto cose buone e altre da migliorare. Per esempio l’affiatamento del gruppo che ancora manca, anche se credo sia una cosa normale visto che la squadra è stata rinnovata per sette decimi. Da questo punto di vista ci sarà bisogno di tempo per trovare la migliore amalgama. I ragazzi devono stare insieme, conoscersi e attraverso gli allenamenti troveranno il giusto feeling». Mancava Smith per affaticamento muscolare. Lo vedremo a Imola domani? «Stiamo valutando le sue condizioni insieme allo staff di Ravenna 33 per decidere se utilizzarlo o meno. Siamo comunque molto sereni e non c’è nessun motivo in questa fase della preparazione per affrettarne i tempi di recupero. Sicuramente ci è dispiaciuto non potere vederlo in campo per la prima volta, ma questo ci ha dato modo di apprezzare i progressi di Fadilou Seck, un ragazzo classe 1997 che sta dimostrando una crescita costante». Stefano Pece


Comments are closed.