• 16/04/2013
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Il Resto del Carlino, 16 aprile 2013: Parata di talenti. In Comune premiati i giovani che più si sono distinti

Il Resto del Carlino, 16 aprile 2013: Parata di talenti. In Comune premiati i giovani che più si sono distinti

“Abbiamo voluto aprire una finesttra anche su sport cosiddetti minori, che non godono talvolta della meritata visibilità.” Dopo il primo incontro, avvenuto a gennaio, ieri pomeriggio, nella sala consiliare di palazzo Merlato, l’assessore allo sport Guido Guerrieri ha consegnato le pergamene d’onore ad alcuni degli atleti ravennati che si ono particolarmente distinti in ambito sportivo, ottenendo risultati e riconoscimenti di rilievo a carattere nazionale e internazione. Alla cerimonia – informale e ricca di spunti perchè gli stessi atleti si sono resi protagonisti, portando alla ribalta le proprie discipline e le proprie esperienze -hanno preso parte anche la senatrice Sefi Idem (“Lo sport deve essere preso a modello per la ricostruzione del Paese; e voi ragazzi, se siete qui, è perchè ve lo meritate”, nonchè Umberto Suprani (“Non è obbligatorio diventare campioni, ma bisogna comunque impegnarsi perchè l’estro non basta”).

Ad aprire la serie delle premiazioni è stato Martin Pilato, giovane discobolo dell’Atletica Ravenna che ha centrato il minimo per i campionati Europei con l’eccellente risultato di 54.28 metri, nuovo record regionale di categoria, che resisteva dal lontano 1977. Poi via via sono sfilati tutti gli altri, dal canottiere Nicola Catenelli a Michael Fabbri, arbitro di calcio alla Can B (L’arbitro? E’ un modo diverso per fare sport. I campioni? Anche loro devono sottostare alle regole”). Per l’Acmar basket capolista in DNB è stato premiato Giacomo Cicognani (“Quest’anno la squadra è più giovane e c’è molto talento”); per le arti marziali, riconoscimenti a Tania Ferrera (“Ho iniziato a cinque anni, ma i risultati sono iniziati ad arrivare molto più avanti”) e Alessandro Graziano, del Team Romagna Judo, oltre a Fabio Miranda, da giugno al gruppo sportivo della Forestale (“Ho avuto questa grande opportunità e l’ho sfruttata anche perchè riesco ad allenarmi a Ravenna”).

Per il Nuoto Romagna, premio a Gabriele Minichini, che ha già ottenuto il minimo nei 200 sl per gli europei juniores in programma a luglio in Polonia (“Servono mesi pre preparare gare che durano pochi minuti”); per i Chiefs di football americano , Emanuele Ghirotti e Brian Labarile, nazionali di flag football terzi agli europei Under13 in Olanda; per il Circolo Velico Ravennate, Jacopo Pasini (“La vela è bella anche non a livello agonistico”), Riccardo Bendandi e Gianmaria Caiconti; per la pallanuoto gli azzurrini Leonardo Pozzi e Lorenzo Bagnari, per il baseball Ludovico Coveri, lanciatore della Nazionale under15 e del Cral Mattei.

Il finale è toccato al volley con Pietro Margutti (Robur Costa), quattordicenne figlio d’arte ma già con le idee chiare. “Il paragone con mio babbo? Spero di diventare più bravo di lui… del resto la sua pallavolo era diversa. Gioco a pallavolo perchè mi piace e perchè l’ho scelta dopo aver provato basket, calcio e nuoto, e non perchè sono figlio di Margutti. Per ora penso solo a divertirmi”.


Comments are closed.