• 11/04/2013
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su La Voce di Romagna, 11 aprile 2013: Junior Ravenna, la seconda fase resta off limits

La Voce di Romagna, 11 aprile 2013: Junior Ravenna, la seconda fase resta off limits

Junior Basket Ravenna – Ferrara Junior Team 62-78 (18-22, 24-42, 39-52)

JBK RAVENNA – Dall’Ara, Bramante 3, Grassi 10, Pillastrini 4, Ricci 9, Fabbri 2, Delvecchio 16, Maraldi ne, Bracci 2, Zannini 4, Brighi 6, Montaguti 6.

All. Ceccarelli

FERRARA – Ferrarini, Bottoni 5, Frignani 2, Vigna 21, Bussolari 3, Rimondi 17, Berti 17, M.Bolognesi 3, A.Bolognesi, D’Ascenzo 8, Ricci, Cestari 2.

All.Seravalli.

Si ferma ad un passo dalla fase interzona interregionale il sogno dell’under 19 allenata da Gabriele Ceccarelli: il muro su cui si infrange la volontà giallorossa si chiama Ferrara Junior Team, una squadra non dotata di particolare talento ma allenata molto bene e che ha dimostrato, nel doppio confronto, di meritare la qualificazione, specialmente per la qualità messa in campo nel return match disputato in una Morigia gremita in ogni ordine di posti.

L’avvio è tutto di marca ferrarese, con il primo tentativo di fuga estense tamponato dalle giocate di Ricci e dalla presenza di Zannini e Pillastrini ma il 18-22 di fine primo quarto non rende il giusto merito ai ferraresi che, alla ripresa delle ostilità, piazzano il parziale di 6-20 che di fatto decide partita e doppio confronto. Senza far cose eccezionali ma muovendo la palla con fluidità per trovare l’uomo libero in grado di colpire, sia contro la zona che contro la uomo proposta da Ceccarelli, gli emiliani allungano con una facilità impressionante mentre Ravenna, che si affida solamente ad iniziative personali, arranca non riuscendo a costruire tiri facili e perdendo tantissimi palloni contro il pressing.

Dopo l’intervallo lungo i ravennati provano a scuotersi con una tripla di Bramante e buone cose dal pivot classe ’96 Montaguti ma Ferrara è sempre in controllo della partita e, pur segnando solamente dieci punti nel quarto, riesce a mantenere 13 lunghezze di vantaggio. Nel quarto periodo gli uomini di Ceccarelli tentano il tutto per tutto e due triple ravvicinate di Brighi li riportano alla singola cifra di svantaggio ma è solo un fuoco di paglia perché Ferrara, guidata da Berti, Rimondi e Vigna, riprende il controllo del match e può chiudere tra gli applausi di una Morigia che sostiene Grassi e compagni, autori comunque di una stagione di altissimo livello.

Riccardo Sabadini


Comments are closed.