• 28/03/2013
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su La Voce di Romagna, 29 marzo 2013

La Voce di Romagna, 29 marzo 2013

Acmar Ravenna – Elettromeccanica Moderna Cecina 70–65 (22-24,35-32, 51-42)
ACMAR RAVENNA – Frigoli 6 (3/5), Cernivani 9 (1/2, 1/5), Penserini 12 (4/8, 1/3), Bastoni 2 (1/2), Cicognani 14 (6/10), Rivali 4 (1/1), Bedetti 7 (2/3, 1/3), Delvecchio 1 (0/1 da tre), Broglia 13 (4/10), Locci 2 (1/2).
All.re: Giordani
ELETTROMECCANICA CECINA – Fratto F. 7 (3/7), Rischia 25 (2/6, 5/7), Del Testa (0/3, 0/1), Bertolini 11 (5/9, 0/3), Cappa 6 (0/2, 1/3), Fratto M. ne, Tessitori 10 (5/10), Salvadori, Caroti ne, Bruni 6 (3/5, 0/7).
All.re: Campanella
TIRI DA DUE: Rav 23/43 (53%) Cec 18/42 (43%)
TIRI DA TRE: Rav 3/13 (23%) Cec 6/21 (29%)
TIRI LIBERI: Rav 15/23 (65%) Cec 11/18 (61%)
RIMBALZI: Rav 37 (Cicognani 10) Cec 36 (Tessitori, Cappa 8)
ASSIST: Rav 11 (Rivali 4) Cec 6 (Bruni 3)
VALUTAZIONE: Rav 87 (Broglia 24) Cec 53 (Rischia 23)
Nella serata in cui ha condiviso la coppa con i suoi tifosi, mantiene l’imbattibilità casalinga l’Acmar che, pur priva di capitan Amoni e del giovane Ricci, riesce a battere in maniera abbastanza netta l’Elettromeccanica Moderna Cecina, giunta al Pala Costa in un buon momento di forma ma che si è dovuta arrendere alla voglia di vincere di Rivali e compagni. Dieci giocatori a bersaglio per i giallorossi che hanno preso il controllo con una grande difesa nei quarti centrali e poi hanno amministrato negli ultimi minuti contro una squadra che non ha mai mollato ma che nulla ha potuto contro lo strapotere della capolista.
In avvio di gara è Ravenna ad avere la meglio grazie alla supremazia sotto le plance di Broglia e Cicognani che trascinano i giallorossi al primo significativo vantaggio sul 13-9 ma Cecina si scatena e con quattro bombe consecutive di Rischia e Cappa firma un break di 13-0 che lancia gli ospiti sul 13-22 che diventa poi 15-24. Nell’ultimo minuto del primo quarto però sale in cattedra il “cacciatore” Bedetti che con sette punti personali consente all’Acmar di chiudere il primo periodo in scia ai toscani sul 22-24.
Se nel primo periodo le squadre avevano trovato il canestro con buona continuità non altrettanto si può dire del secondo quarto: si segna col contagocce e questo favorisce Cecina che, trovando canestri dalla distanza, rimane avanti (24-29 al 14’). Coach Giordani pesca allora dalla panchina il giovane Frigoli che, con una grande energia e un paio di iniziative pregevoli riporta a galla i suoi, ben supportato dalla coppia dei lunghi Broglia-Cicognani che hanno sopperito alla grande alla mancanza di capitan Amoni. Il sorpasso romagnolo è cosa fatta sul 33-29, che diventa 35-32 all’intervallo.
Il secondo tempo si apre nel segno di Cernivani e Cicognani: sono infatti loro a firmare il massimo vantaggio giallorosso 43-32. Un Cicognani tentacolare limita in difesa con efficacia Tessitori e non lo lascia mai concludere liberamente, Cernivani, dopo un primo tempo abulico, firma un gioco da tre punti e una tripla per il 43-32. Cecina continua a tentare tiri dalla distanza ma c’è solo Rischia a trovare con continuità la via del canestro mentre Bruni sparacchia a salve (0/7 da tre e 8 perse). I giallorossi viaggiano sul velluto e riescono a mantenere agevolmente la testa avanti, regalando ai numerosi tifosi anche giocate spettacolari come l’assist d’oro di Bastoni, ottimamente sfruttato da Penserini e Ravenna continua nella sua cavalcata, chiudendo il terzo periodo sul 51-42.
Nella quarta frazione Cecina tenta il tutto per tutto con il solito Rischia e Tessitori, e approfitta dell’uscita prematura per falli di un Cicognani poco tutelato dagli arbitri e del bonus esaurito dai giallorossi per tentare un recupero. Ravenna però non ne vuole sapere di mollare davanti al proprio pubblico e grazie a un personalissimo 5-0 di Giovanni Penserini torna in doppia cifra di vantaggio e amministra fino alle ultime curve, in cui un libero del giovane classe ’94 Fabio Delvecchio consente a coach Lanfranco Giordani di mandare a bersaglio tutti e dieci gli effettivi.


Comments are closed.