• 11/12/2012
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Bottaro fissa il primo obbiettivo: “Acmar, prendiamoci le Final Four”

Bottaro fissa il primo obbiettivo: “Acmar, prendiamoci le Final Four”

E’ dolce anche il ritorno da Cecina per l’Acmar che in terra toscana ha colto l’undicesima vittoria consecutiva al termine di un match sofferto, in cui i giallorossi hanno dovuto inseguire per lunghissimi tratti. “Siamo molto contenti del risultato ottenuto – analizza il dg Giorgio Bottaro – è stata una delle vittorie più sofferte di questo avvio di campionato per andamento della partita e per il disavanzo che abbiamo dovuto recuperare: in questa sofferenza però abbiamo tirato fuori dal cilindro un’altra grandissima prestazione del collettivo, tutti, seppur nella fatica, hanno portato un mattoncino risultando fondamentali per il successo finale. E’ stato un antipasto di playoff, una partita dura e spigolosa come quelle che ci attenderanno quando aumenterà il valore della posta in palio”.

Una partita, quella con Cecina, che definire dai due volti è riduttivo: la partenza dei giallorossi infatti non era stata all’altezza di una partita del genere, con i locali che volavano addirittura sul 15-2 dopo otto minuti di gioco e Ravenna che continuava a sbagliare tiri aperti e a commettere palle perse in serie. La sveglia la suonava l’ingresso in campo di Giorgio Broglia che con la sua presenza sotto entrambi i canestri e una buona difesa riusciva a smuovere dal torpore la truppa di coach Giordani, dove apparivano particolarmente in difficoltà Luca Bedetti, negativo il suo primo tempo condito da errori al tiro e palle perse, e soprattutto Eugenio Rivali, asfissiato dalla marcatura a tutto campo di Del Testa. Poi il piccolo playmaker giallorosso è entrato lentamente ma inesorabilmente in partita, Bedetti è esploso in tutto il suo atletismo e complice anche una clamorosa ingenuità di Giovanni Bruni, che si è fatto sanzionare un fallo tecnico con palla in mano e +7, regalando uno 0-5 di parziale all’Acmar coi liberi di Amoni e la tripla di Bedetti, l’Acmar ha messo le mani sulla partita.

“Bisogna riconoscere grandi meriti a Cecina – prosegue il dg ex Virtus Roma – che ci ha aggredito fin dall’inizio rendendo meno fluida la nostra manovra offensiva e mettendoci in grande difficoltà per lunghi tratti. Con il tempo, durante la partita, abbiamo trovato le chiavi per scardinare questa difesa, a partire dal finale del secondo quarto e soprattutto nel quarto periodo. Abbiamo abbandonato il gioco manovrato, cercando soluzioni più frequenti per andare a canestro in transizione, sfruttando anche le ottime individualità che abbiamo a disposizione”.

Complici i risultati dagli altri campi, adesso il tentativo di fuga dell’Acmar è diventato più concreto visto che i punti di vantaggio sulle seconde, Affrico Firenze e Poderosa Montegranaro, sono diventati sei.

“Siamo contenti per la classifica – conclude Bottaro – perché è la conferma che stiamo lavorando bene e che siamo competitivi su ottimi livelli; non ci sentiamo appagati perché sappiamo che poi, al termine della regular season, si rimetterà tutto in gioco nei playoff. Intanto siamo concentrati sul nostro primo obiettivo, la qualificazione alle Final Four di Coppa Italia, perché non capita tutti i giorni di poter giocare per un trofeo e noi vogliamo conquistare e onorare questo impegno”.

Riccardo Sabadini


Comments are closed.