• 10/12/2012
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su L’Acmar non si ferma: con Cecina arriva l’undicesima perla consecutiva

L’Acmar non si ferma: con Cecina arriva l’undicesima perla consecutiva

Elettromeccanica Moderna Cecina-Acmar 61-66
ELETTROMECANICA MODERNA: F. Fratto 2 (1/5, 0/1), Rischia 6 (3/6), Bertolini 12 (4/8, 1/4), Cappa 3 (1/3, 0/4), Bruni 22 (4/6, 4/7), Tessitori 11 (5/7), M. Fratto ne, Salvadori, Caroti ne, Del Testa 5 (0/1, 1/6). All.: Campanella.
ACMAR: Cernivani 4 (2/4, 0/3), Penserini 7 (1/5, 0/2), Amoni 8 (3/4, 0/4), Cicognani 4 (2/6), Rivali 15 (4/7, 1/2), Bedetti 18 (1/7, 3/5), Broglia 10 (3/5, 0/2), Locci ne, Delvecchio ne, Grassi ne. All.: Giordani.
ARBITRI: Canazza di Solesino e Vantini di Verona.
PARZIALI: 15-6, 30-23, 41-43.
TIRI LIBERI: Cecina 7/13, Ravenna 22/29.
TIRI DA DUE: Cecina 18/36, Ravenna 16/38.
TIRI DA TRE: Cecina 6/22, Ravenna 4/18.

CECINA (Li). Pasta e Cecina indigesta per 27 minuti ma lo “stomaco” dell’Acmar la consuma a cavallo degli ultimi due quarti e per Ravenna è l’undicesimo successo consecutivo (61-66). La formazione di Lanfranco Giordani ha infatti sofferto, scivolando anche sul -15 (23-8), ma sulle ali di Bedetti e Rivali i giallorossi hanno mantenuto il curriculum immacolato.
Partenza toscana. Al pronti-via l’Acmar si trova subito in difficoltà contro la formazione toscana: le mani sono freddissime (sarà un modestissimo 2/16 dal campo al 9′ per i romagnoli) e al 3′ Bertolini porta sul 4-0 i suoi. Il canestro di Cicognani che accorcia le distanze (4-2) è effimero: da quel momento sarà un nettissimo 11-0 in favore dei padroni di casa, completato dall’1/2 nuovamente di Bertolini (15-2). Ravenna prova a reagire con Amoni e Broglia (15-8 all’11’) ma Cecina riprende il possesso delle operazioni: l’ex Crabs, Bruni, suona il la, Rischia completa l’8-0 che porta un gelido -15 per i ravennati (23-8). Bedetti da tre e Penserini da sotto provano a riscaldare Ravenna (23-13), i primi punti della partita di Rivali riportano l’Acmar a – 6 (25-19 al 17′). Bruni respinge la risalita degli ospiti (30-21), le cui medie al tiro continuano a essere deficitarie (7/21 da due e 1/8 da tre).
Rimonta romagnola. Due canestri in fila di Tessitori fanno scivolare Ravenna nuovamente a -11 (34-23), il trio Rivali-Broglia-Bedetti aprono il tentativo di rimonta romagnola (34-28 al 23′) ma Bruni e Tessitori inizialmente lo vanificano (41-30). Il capitano romagnolo Amoni suona la carica per la rimonta, riportando il -7 (41-34). La svolta al 27′: proprio Bruni cade in un fallo tecnico che permette a Ravenna di ribaltare completamente l’andamento della gara. Prima ancora Amoni lima ulteriormente il disavanzo (41-36), poi sale in cattedra Bedetti che con otto punti consecutivi prima completa la rimonta a quota 41 dopo ventinove minuti poi realizza anche il primo vantaggio romagnolo dell’intera gara (41-43) a pochi istanti dall’ultimo intervallo breve. L’ala riminese continua il suo show personale per il 41-44 che completa il parzialone 0-14, interrotto dal libero di Tessitori. Ma è sempre Bedetti l’uomo della provvidenza (42-48).
Altalena poi la gioia. Cecina però non molla, sempre con Bruni (46-48) a cui risponde Rivali (46-51). Bruni risorpassa Ravenna (55-53) a tre minuti dalla fine. La squadra di Lanfranco Giordani è vivissima (55-57). Del Testa la punisce dall’arco (58-57), Bedetti lo imita per un nuovo +3 esterno (61-64) a ottanta secondi dalla fine. Per Ravenna finisce in gloria con Penserini e Bedetti che proiettano i titoli di coda ai liberi.

Da “Corriere di Romagna”

 


Comments are closed.