• 04/12/2012
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Acmar capolista, parla Giordani: «Alleno giocatori fantastici E Rivali ha numeri incredibili»

Acmar capolista, parla Giordani: «Alleno giocatori fantastici E Rivali ha numeri incredibili»

INSIEME al derby emiliano romagnolo con la Tramec Cento, se n’è andato un terzo di stagione regolare e il bottino dell’Acmar è di 10 vittorie in 10 gare, 4 lunghezze sulla più diretta inseguitrice, che resta l’Affrico Firenze vista la sconfitta della Poderosa Montegranaro. Con numeri come questi c’è da stare allegri in casa giallorossa, anche se la partita con Cento, intensa e combattuta per oltre 35 minuti, ha lasciato scontenti i protagonisti.

«Mi scuso con i tifosi perché non si è visto un grandissimo spettacolo — spiegato il capitano Amoni autore, con 3 triple nel primo quarto, del primo break giallorosso — Ma non è facile affrontare una squadra che difende a zona per 40 minuti e gioca a distruggere le trame offensive dell’avversario. Per questo abbiamo faticato anche in attacco, ma sono soddisfatto della decima vittoria».

Ravenna si è trovata in fuga in almeno due occasioni, ma in entrambe le volte la squadra emiliana è riuscita a riaprire la gara.

«Nonostante la vittoria — dice coach Giordani — mi resta un po’ di amaro in bocca perché eravamo sopra di 16 a metà dell’ultimo quarto e non siamo riusciti a chiudere. Cento ha giocato più a distruggere il nostro gioco che a crearne. Ne è venuta fuori una partita non bella in cui abbiamo avuto moltissimi tiri dalla distanza, ma abbiamo fatto pochi canestri, soffrendo più del dovuto».

Ancora una volta il migliore in campo è stato Eugenio Rivali: nella seconda metà del terzo quarto ha segnato tre ‘bombe’ in rapida successione con una naturalezza sconcertante che hanno regalato l’ennesima fuga ai giallorossi. «Sono orgoglioso di tutti i ragazzi — aggiunge Giordani — ma devo spendere qualche parola per Rivali che ha segnato quelle tre triple, che non sono proprio la sua specialità. Questo però mi lascia un altro pensiero, e cioè che dobbiamo rendere di più quando lui non è in campo. Siamo migliorati anche in questo, ma quando Eugenio è fuori a riprendere fiato, per un motivo o per l’altro, succede sempre qualcosa che ci mette i bastoni tra le ruote. Ad ogni modo non posso rimproverare nulla ai ragazzi che si dimostrano fantastici».

Il prossimo impegno si chiama Cecina, squadra che continua a vincere. «Tutti vogliono batterci — conclude il tecnico — lo si vede da come giocano contro di noi: danno tutti qualcosa in più. Noi dobbiamo migliorare ancora per proseguire nella striscia positiva».

Stefano Pece
da “Il Resto del Carlino”

 


Comments are closed.