• 14/10/2012
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su E’ Amoni il trascinatore di un’Acmar tutto cuore

E’ Amoni il trascinatore di un’Acmar tutto cuore

L’Acmar Ravenna espugna il campo dell’Use Empoli ma soffre più del dovuto e soprattutto rischia di perdere una partita che sembrava già vinta. Tre punti comunque conquistati su un campo difficile e che permette ai ravennati di restare imbattuti in testa alla classifica. L’Acmar parte bene e arriva sul 6-13 al 5’, ma perde Penserini che, su un’entrata, si procura una storta a una caviglia che non gli permetterà più di rientrare. I padroni di casa pareggiano, 15-15 all’8’, ma sono ancora i ragazzi di Giordani che chiudono in vantaggio il primo quarto: 18-25.

Ravenna a +9 (20-29) all’inizio della seconda frazione ma l’Use non molla riuscendo a recuperare tutto lo svantaggio, 37-37 al 19’. Due bombe consecutive di Cernivani fissano il punteggio sul 37-43 per gli ospiti al riposo lungo. Dopo l’intervallo l’Acmar si dispone a zona e la mossa sembra dare i suoi frutti visto che i romagnoli allungano in maniera lenta ma costante fino a toccare i 10 punti vantaggio, 45-55 al 25’. Sul finale di tempo gli arbitri si ergono a protagonisti invero negativi, innervosendo una partita fin lì correttissima. Prima fischiano un passi a Ravazzani (con Terrosi che aveva segnato il canestro del possibile -4) e sulle successive proteste dell’allenatore empolese prima gli danno un tecnico e poi lo espellono. Pioggia di tiri liberi per Ravenna che non si lascia l’occasione di riportarsi a +10 chiudendo il tempino sul 58-68.

Il contraccolpo per i toscani è grande e Amoni e i suoi non si lasciano sfuggire l’occasione per portarsi sul +17, 58-75. Ma proprio quando la partita sembra chiusa l’Use ha una reazione d’orgoglio che li porta a -9 (70-79) al 35’. Il Ravenna, che forse pensava di avere già in tasca i due punti, sembra bloccato dalla paura e diventa alquanto impreciso. Il finale è al cardiopalma: a 2’54” dal termine sono ancora 8 i punti di vantaggio degli ospiti (71-79) e Amoni sembra dare il colpo di grazia con una bomba che riporta i suoi sul +11 con 60” sul cronometro. Ma poi una serie di falli tattici e un paio di tiri da 3 portano l’Use ad un solo canestro di distanza, 79-82 a 59”. La partita si gioca adesso sui tiri liberi, a 24” l’Use è a -2 (82-84). Rivali ne segna altri 2 (82-86 a 20”) ma sulla successiva rimessa Manetti realizza da 3 ridando speranza ai toscani. Fallo immediato dell’Use e Amoni, freddissimo, s’incarica di chiudere definitivamente la gara segnando entrambi i liberi.

da “Il Resto del Carlino”

 


Comments are closed.