• 08/10/2012
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su L’Acmar esce alla distanza, è felice il debutto al PalaCosta

L’Acmar esce alla distanza, è felice il debutto al PalaCosta

Acmar Ravenna – Goldengas Senigallia 79-66

(19-28, 28-39, 57-55)

Ravenna: Frigoli, Cernivani 4, Penserini 21, Amoni 11, Cicognani 10, Rivali 10, Bedetti 10, Ricci ne, Broglia 13, Locci, Bracci ne.

All. Giordani.

Senigallia: Savelli F. 7, Pierantoni 11, Maddaloni 6, Savelli L. ne, Catalani, Giroli 19, Barantani 2, Perini 16, Pasquinelli 5, Sartini ne.

All. Valli.

Arbitri: Giusto, Gallo.

T2: Ra 27/40, Se 17/32

T3: Ra 5/15, Se 9/22

Tl: Ra 10/14, Se 5/14

Partita dai due volti al PalaCosta: primo tempo della Goldengas, seconda parte solo Acmar.

Ravenna appare decisamente contratta in avvio e le combinazioni degli ospiti passano con facilità tra le maglie della difesa giallorossa. Perini e Pierantoni finalizzano con continuità. Ravenna cerca di rimanere a contatto, ma non appena sbaglia un passaggio viene punita in contropiede dai marchigiani che si staccano già a metà della prima frazione grazie alle triple di Maddaloni e Giroli. La tripla di Penserini del 13-18 apre un buon momento per l’Acmar, che però si spegne presto, poi c’è solo Senigallia che chiude avanti 28-19.

In apertura di secondo quarto non cambia il copione. Senigallia fa girare bene la palla e Ravenna non trova contromisure difensive. In avanti invece, la manovra giallorossa si infrange sul muro difensivo marchigiano e neanche Rivali riesce a trovare la strada per passare. Cicognani perde troppi palloni sotto canestro, favorendo il contropiede ospite. Su uno di questi Perini, con un gioco da tre punti, firma il massimo vantaggio marchigiano, 24-39 a cui pone un parziale freno Cernivani sulla sirena.

Al ritorno dagli spogliatoi inizia un’altra partita. Amoni e Rivali trascinano i padroni di casa che mettono a segno un parziale di 6-0 che riporta lo svantaggio sotto la doppia cifra, 34-39. Penserini firma il 38-41 al termine di una bella combinazione con Rivali, accendendo nuovamente l’entusiasmo del Pala Costa. La tripla di Pierantoni e il canestro dall’area di Giroli mantengono davanti gli ospiti, ma è un fuoco di paglia perchè Senigallia da visibili segni di cedimento. Broglia riapre definitivamente l’incontro con una delle sue triple, e Amoni regala il primo sorpasso giallorosso dopo 28 minuti di gioco, 50-49.

Senigallia non c’è più. La freschezza atletica dei giallorossi mette alla frusta i marchigiani che hanno speso molto nella prima metà di gara. Maddaloni fa zero su quattro ai liberi e Penserini dall’altra parte tiene i giallorossi avanti alla sirena, 57-55.

Senigallia offre parziali segnali di risveglio nell’ultima frazione, ma Ravenna viaggia a velocità doppia e gli ospiti arrivano presto ai cinque falli di squadra. Dalla lunetta l’Acmar arrotonda il vantaggio poi Penserini e Broglia fanno il resto con una prestazione monumentale, soprattutto del primo che era un ex in questa gara. Seconda vittoria consecutiva per l’Acmar.

da “Il Resto del Carlino”

 


Comments are closed.