• 08/10/2012
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Acmar, fai del PalaCosta il tuo fortino

Acmar, fai del PalaCosta il tuo fortino

RAVENNA. Acmar, fai del PalaCosta il tuo fortino. L’ottima prestazione all’esordio a Montegranaro, con il netto +27 finale, ha segnato un passo avanti rispetto alle ultime stagioni in cui i giallorossi formato trasferta non erano stati così convincenti (fatta eccezione per i play-off) come invece accadeva sulle tavole amiche che hanno vissuto invece tante vittorie del Basket Ravenna. Ma oggi alle 18 (arbitri Giusto di Albignasego e Gallo di Monselice) si passa da una marchigiana all’altra, Senigallia, sulla carta avversario più ostico rispetto alla Supernova, visto anche il successo su Siena alla prima di campionato. Oggi l’ala Penserini ritroverà da avversari tanti suoi compagni. Proprio il rapporto con il pubblico è un elemento imprescindibile nella filosofia giallorossa. “Vogliamo che sia il sesto uomo in campo – lo chiama a raccolta coach Lanfranco Giordani – ma questo feeling, il cuore della gente, lo dobbiamo conquistare con le buone prestazioni, giocando una pallacanestro intensa con una sempre maggiore ricerca dell’intesa, per essere sempre all’altezza della situazione e per rendere il PalaCosta un campo ostico per tutti. Per ora la squadra sembra essere sulla buona strada, assomiglia sempre di più alla mia idea di basket, ma non possiamo fermarci a questo punto perché ancora non abbiamo fatto nulla di particolare. E’ vero, abbiamo disputato un buon precampionato e vinto bene la prima gara ufficiale. Ma dobbiamo continuare a lavorare per ridurre i cali di concentrazione”. Cali che non si sono visti nei quaranta minuti contro la Supernova ma per una squadra giovane come l’Acmar 2012-13 possono essere dietro l’angolo. Giordani mette sotto la lente gli avversari. “Sono una squadra molto esperta della categoria, hanno giocatori molto importanti che possono metterci in difficoltà come i loro lunghi Pierantoni (25 punti contro Siena all’esordio e sarà questa una bella sfida con il pacchetto di lunghi ravennate) e Barantani. Dovremo stare attenti perché Senigallia non ci regalerà nulla”.

Agostino Galegati

da “Corriere di Romagna”

 


Comments are closed.