• 10/09/2012
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Acmar, buona la prima al Costa, battuti gli Eagles

Acmar, buona la prima al Costa, battuti gli Eagles

Acmar Ravenna-Eagles Bologna 77-65

ACMAR: Cernivani 12, Penserini 15, Amoni 17, Cicognani 14, Rivali 11, Bedetti 6, Grassi, Ricci 2, Delvecchio, Locci, Bracci. All.: Giordani.

EAGLES: Circosta 11, Silimbani 4, Botteghi 9, Gazzotti 3, Saccardin, Piazza 17, Tullio 7, Harizaj ne, Raminelli 8, Potì 6. All.: Padovano.

ARBITRI: Manca di Ravenna e Foschini di Russi.

PARZIALI: 19-11, 32-24, 52-46.

RAVENNA. Acmar, buona la prima al PalaCosta, gli Eagles Bologna sono abbattuti 77-65. Un successo che permette alla formazione di Lanfranco Giordani di aggiudicarsi il 1° Trofeo Giorgio Morigi che ricorda il vicepresidente della Piero Manetti scomparso il 22 aprile.

Fin dai primi minuti si capisce che la prestazione romagnola sarà di grande spessore e intensità contro i biancoblù che giocano al piano di sopra. Mentre la difesa tiene bene sui bolognesi, le prime buone iniziative ravennate in attacco sono due entrate nel traffico di Cicognani che fruttano quattro punti consecutivi per il 5-2 al 3′. Dopo il -2 Bologna firmato Botteghi (12-10), Ravenna preme sull’acceleratore e il quarto che si chiude sulla tripla di Cernivani sulla sirena (19-11). Il secondo quarto comincia come si è chiusa la prina frazione, con un Acmar solida in difesa, Fortitudo a inseguire: Bedetti intercetta il passaggio e schiaccia il 21-13. La tripla di Circosta e Botteghi dalla media riportano a un possesso le due squadre (21-18 al 15′). Ma dopo questo momento di difficoltà Ravenna riprende in mano le redini raggiungendo la doppia cifra (32-22 al 19′). A cavallo dei due quarti però i biancoblù riescono a ridurre il divario fino al -2 (34-32 firmato Raminelli). Ma ancora una volta l’Acmar si riprende: Rivali riporta dalla lunetta e Cernivani da sotto riportano il +7 (41-34) ma la tripla di Piazza ferma la fuga prima del vantaggio felsineo (41-42) ma l’altalena prosegue sul 48-42 interno. La Giordani-band suona benissimo anche nel quarto conclusivo: l’ottima circolazione e i punti ben distribuiti portano il massimo vantaggio sul +18 (69-51) e anche nei minuti conclusivi, quando Giordani lancia i giovani, il divario cambia poco (77-65).

Agostino Galegati

da “Corriere di Romagna”

 


Comments are closed.