• 25/06/2012
  • News
  • Commenti disabilitati su Giacomo Cicognani ci racconta la sua avventura azzurra

Giacomo Cicognani ci racconta la sua avventura azzurra

Giacomo, primo giorno a Domegge di Cadore dopo una settimana e un torneo (vinto) a Roseto. Come va la tua avventura azzurra?

“E’ tutto a posto, il ginocchio non mi ha dato alcun problema e mi sono allenato molto bene. Ho giocato le partite di venerdì e domenica, entrando in quintetto per giocare poi una ventina di minuti a buon ritmo. Coach Sacripanti voleva curare in maniera particolare alcuni aspetti difensivi, penso che sia andato tutto secondo i piani”.

Cos’hai provato quando sei sceso per la prima volta in campo con il tricolore sul petto?

“La prima partita è stata molto emozionante, vedersi addosso quella maglia è qualcosa di indescrivibile. E’ stato bello avere giocato queste due partite, ma l’appetito vien mangiando e ora sono totalmente concentrato per conquistare un posto per giocare gli Europei”.

Da Roseto degli Abruzzi a Domegge di Cadore, cosa cambia?

“Qui fa molto più freddo (ride), ci sono almeno dieci gradi in meno rispetto a Roseto. Questo è positivo perché in palestra si fa meno fatica, non dovendo affrontare il caldo, ma qui in Veneto siamo stati accolti dalla pioggia e siamo stati soltanto tra palestra e albergo”.

Ora siete un gruppo di diciotto giocatori, dai quali usciranno i dodici per gli Europei. Come proseguirà la preparazione?

“Siamo a Domegge per una settimana, e da venerdì a domenica affronteremo un torneo molto difficile con Grecia, Francia e Croazia, che sono tra le formazioni più forti in Europa e sono più impegnative di quelle con cui abbiamo giocato a Roseto. E’ poi prevista una settimana di allenamenti a Trieste, da lunedì prossimo, e poi qualche giorno in Croazia. Intorno al 10 luglio sapremo chi sarà così bravo e fortunato da essere convocato per la fase finale dell’Europeo, che giocheremo a Domzale (15 km da Lubiana, anch’essa sede delle partite insieme a Kranjska Gora), dove l’Italia affronterà il girone eliminatorio a partire dal 12 luglio”.

Come ti trovi nel gruppo?

“Il gruppo si è formato molto bene e ha trovato grande fiducia vincendo il torneo a Roseto, anche se eravamo i favoriti. Stiamo lavorando positivamente e ora aspettiamo di poterci confrontare con Nazionali più forti, come la Francia che pare essere la favorita anche per la conquista dell’Europeo. Mi trovo bene, ce la sto mettendo tutta perché partecipare all’Europeo sarebbe davvero molto bello”.

Miro De Giuli

Ufficio Stampa

Acmar Basket Ravenna Piero Manetti

 


Comments are closed.