• 25/05/2012
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Quaranta minuti per decidere la prima finalista

Quaranta minuti per decidere la prima finalista

RAVENNA. Quaranta minuti da vivere intensamente, quaranta minuti per decidere la prima finalista dei play-off del girone B di Dnb. Tra Corno di Rosazzo e Ravenna è arrivato il momento della verità, quello della bella: riuscirà Ravenna a ripetere l’impresa, bissando il successo interno di tre giorni fa? Lo si saprà attorno alle 22.30 di oggi (palla a due ore 20.45). Ravenna ha già ripetuto il rendimento dell’anno scorso, ma rispetto alla semifinale contro Santarcangelo del 2011 i giallorossi si vogliono concedere un finale diverso. “Noi dobbiamo crederci e ci proveremo con tutte le nostre forze e fino in fondo – premette il tecnico Cesare Ciocca – anche se ovviamente non sarà facile. A Ravenna ci sarebbe dispiaciuto uscire davanti a un pubblico mai così festante, ma stasera vogliamo comunque cercare di andare ancora più avanti contro una squadra che come qualità dell’organico è super per la categoria, con tanti giocatori che possono segnare tanto”. I giallorossi hanno goduto di un giorno di defaticamento in piscina per recuperare le energie. “Sarà questa la chiave del successo – prosegue Ciocca -, le energie fisiche più che quelle mentali, da quest’ultimo punto di vista abbiamo ampiamente dimostrato di esserci. Purtroppo anche mercoledì abbiamo giocato in condizioni difficili: il mancato utilizzo di Cicognani non è stato dettato da una scelta tecnica ma proprio di condizione. Non solo lui, però, non era al meglio, anche Filattiera, in campo 38 minuti, ha stretto i denti nonostante una contrattura. Nei primi minuti si è visto come riusciva in penetrazione a saltare gli avversari poi alla lunga ha fatto sempre più fatica. Speriamo che il nostro staff medico abbia fatto un altro miracolo”. Ormai le due squadre si conoscono a memoria. “Dovremo ancora una volta dimostrare di saper affrontare la loro atipicità – spiega Ciocca –, giocando ancora una volta come un blocco unico, compatto. Non abbiamo giocatori ai vertici delle varie classifiche ma tanti elementi che possono segnare e fare cose importanti, giocando una bella pallacanestro, che è il mio motivo di orgoglio, essendo un allenatore di sistema”. Dopo il tutto esaurito del PalaCosta mercoledì sera, si prospetta una piccola invasione giallorossa anche stasera con un pullman di tifosi al seguito oltre alle prevedibili auto private.

Agostino Galegati

da “Corriere di Romagna”

 


Comments are closed.