• 25/05/2012
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su L’Acmar ci crede: “Non siamo appagati”

L’Acmar ci crede: “Non siamo appagati”

L’Acmar Ravenna sale in Friuli per avverare il sogno della finale play off. Stasera nella Palestra Comunale di Corno di Rosazzo alle 20.45, gli uomini di Cesare Ciocca affrontano la Calligaris Centro Sedia Basket nello scontro decisivo di questa serie di semifinale.

L’Acmar è cosciente della complessità dell’impresa, ma non è appagata dal solo fatto di avere portato la serie a gara tre. La formazione giallorossa non ha nessuna intenzione di abbassare la concentrazione e vuole regalare una nuova gioia ai cinquanta tifosi che l’hanno seguita nella lunghissima trasferta friulana.

“Questa estate, in sede di presentazione, dissi che volevamo ripetere quanto di buono fatto la stagione scorsa – ricorda Ciocca -. E abbiamo centrato questo obiettivo. Quest’anno però ha qualcosa di speciale, con tutte le complicazioni che ci sono state. Essere arrivati fin qui è già un sogno. Un sogno che vogliamo continuare a cullare”.

Anche questa serie contro Corno di Rosazzo è stata logorante dal punto di vista fisico e mentale, come già era stata quella con Rimini. Ma questa squadra, come ricorda anche il tecnico, è abituata a lottare nelle avversità.

“Questo team nelle difficoltà si è cementato sempre di più e merita questo traguardo – prosegue il tecnico -. La chiave della gara sarà nella tenuta fisica. Su quella mentale non c’è neanche da dubitare, perchè questi ragazzi hanno ampiamente dimostrato di essere sempre presenti sotto questo punto di vista. Sono contento del mio gruppo. È bello vedere che la squadra è capace di lottare, di sapere cosa fare con la palla in mano e che, anche cambiando tante volte l’assetto, sia stata in grado di esprimere sempre un buon basket”.

La Calligaris però è una squadra esperta, con un paio di nomi che ormai a Ravenna tutti hanno imparato a conoscere e temere, Nanut e Pigato, e in generale un gruppo di ottimo livello, come è stato confermato dalla stagione regolare.

“È una formazione eccezionale per questa categoria – analizza ancora il tecnico -. Tutti sono in grado di fare canestro e la loro atipicità li rende quasi immarcabili. Inoltre sul loro campo hanno vinto solo due squadre. Per batterli servirà un’altra gara della vita, ma noi ci proviamo”.

L’entusiasmo del pubblico, acceso dalla bella impresa del Pala Costa di mercoledì scorso, ha spinto la società a organizzare un nuovo pullman per la trasferta. In poche ore il pullman ha raggiunto la quota di cinquanta adesioni da parte dei tifosi giallorossi, che porteranno così, uno spicchio di Pala Costa anche a Corno di Rosazzo.

da “Il Resto del Carlino”

 


Comments are closed.