• 14/04/2012
  • News
  • Commenti disabilitati su Mobyt Ferrara – Acmar Ravenna 80-61

Mobyt Ferrara – Acmar Ravenna 80-61

Mobyt Ferrara – Acmar Ravenna 80-61

Ferrara: Sorrentino 4, Agusto 3, Cortesi 14, Campiello 11, Ferri 17, Maggiotto 5, Seravalli 7, Benfatto 10, Gori 7, Mirone 2. All.Furlani

Ravenna: Filattiera 11, Zambrini 8, Amoni 6, Frigoli, Cicognani , Morigi, Barbieri 15, Sanlorenzo 6, Quartieri 9, Bosio 4. All.Ciocca

Note: T2: Fe 17/37, Ra 17/43; T3: Fe 11/31, Ra 5/14; Tl: Fe 13/18, Ra 12/14.

Arbitri: Tammaro e Napolitano di Salerno

Impresa semi impossibile doveva essere, e impresa impossibile si è rivelata. L’Acmar esce sconfitta dal PalaSegest di Ferrara, sconfitta da una Mobyt che sul proprio campo non ha mai perso e che in tutta la stagione ha perso soltanto tre partite (a Rimini, a Ravenna e successivamente a Ferrara). Troppo forte la capolista per l’Acmar attuale, limitata in maniera parziale dall’infortunio alla spalla rimediato giovedì sera da Sanlorenzo e dalle condizioni ancora non ottimali di Giacomo Cicognani. I ragazzi di coach Ciocca subiscono un parziale negativo in un primo quarto fantascientifico da parte di Ferrara (8/11 da 2, 4/7 da 3, più 8 liberi garantiti dall’8-1 nel conto dei falli fatti), chiudono il primo periodo di gioco sul -14 (33-19), e di fatto vengono condannati a un lunghissimo inseguimento. L’Acmar comunque non molla, prova ad accorciare nel corso di un secondo periodo positivo (43-34, 10-15 di parziale) e arriva anche al -6 (46-40, due liberi di Zambrini), prima di soccombere di fronte ad una avversaria oggettivamente più forte e più in forma dal punto di vista fisico.

L’inizio dell’Acmar è positivo (0-4, Bosio e Barbieri), ma è solo un’illusione. Ferrara è capolista non per caso, e con un 12-0 aperto dalle triple di Campiello e Cortesi, alimentato da un rimbalzo offensivo dello stesso Campiello e chiuso da Ferri e Benfatto, mette subito otto punti di distanza tra le due formazioni. Amoni prova a fermare l’emorragia, ma Campiello e ancora Ferri da tre punti permettono alla Mobyt di scavalcare la doppia cifra di vantaggio giù al 6’ (19-8). Sanlorenzo e Filattiera ricuciono dalla lunga distanza per Ravenna (21-16 all’8’), ma due antisportivi fischiati in rapida successione a Bosio e Filattiera in chiusura di primo quarto (8-1 il conto falli) permettono a Cortesi e ancora a Campiello di stampare il 33-19 del 10’.

Ravenna cambia pelle nel secondo quarto, si mette a difendere con il piglio giusto e accorcia con Amoni (33-25), mantenendo la singola cifra di svantaggio anche nella pausa più lunga (43-34).

La ripresa si apre con una bomba di Maggiotto, cui risponde Barbieri con quattro punti. Zambrini conquista due liberi al termine di un’azione confusa, li segna e stampa il -6 (46-40), minimo svantaggio dai primi minuti ravennati.

Cortesi risponde da tre punti, Maggiotto restituisce la doppia cifra di vantaggio, e per Ravenna iniziano a calare le tenebre. Barbieri su pick and roll con Filattiera prova a prolungare la resistenza ravennate, ma cinque punti filati di Ferri e una bomba di Agusto (59-45 al 27’) valgono il break che Ravenna non riuscirà più a chiudere. Ancora Ferri allarga la forbice sul 64-45, che diventa 66-49 al 30’, ma i giochi sono ormai fatti. Il quarto periodo scorre allora senza sussulti, fino all’80-61 finale che proietta l’Acmar già al delicatissimo scontro diretto con la Officine Creative Montegranaro di domenica prossima al PalaCosta.

Miro De Giuli

Ufficio Stampa

Acmar Basket Ravenna Piero Manetti

 


Comments are closed.