• 03/12/2011
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su L’Acmar non si vuole fermare

L’Acmar non si vuole fermare

RAVENNA – L’Acmar non si vuole fermare nel proprio momento migliore. Dopo sei vittorie nelle ultime sette partite che hanno proiettato la formazione di coach Ciocca al quarto posto in classifica, per i giallorossi sta arrivando la volata finale del 2011 con quattro partite che saranno l’esame di maturità del gruppo romagnolo. Il tour de force di tre partite in una settimana parte oggi al PalaCosta contro la Goldengas Senigallia (ore 18, arbitri Maschietto di Treviso e Gagno di Villorba) per poi proseguire con il tanto atteso derby romagnolo in casa dei Crabs giovedì, per concludersi con un’altra sfida tutta regionale con la favorita Mobyt Ferrara domenica nuovamente in casa. Ma il tecnico si concentra su un passo alla volta. “Senigallia sarà la classica brutta gatta da pelare – attacca – perché è una squadra che ormai gioca a memoria visto che è il roster che ha ben figurato in A dilettanti l’anno scorso e solo l’aumento delle retrocessione l’ha condannata. Direi che il settore in cui sanno essere più pericoloso è quello degli esterni dove hanno giocatori che imprimono una grandissima velocità al gioco come Monticelli o il giovane Magrini che ha già risposto a molte convocazioni delle nazionali giovanili”. Un gruppo decisamente solido, dunque, e che viene da quattro vittorie consecutive, a due sole lunghezze da Ravenna. Anche guardando le medie è lecito aspettarsi una gara molto equilibrata. In dieci partite giocate a testa le due squadre sono praticamente identiche: Ravenna ha segnato 759 punti, subendone 699, i marchigiani 760 a 703. Un bel banco di prova, dunque per i ravennati che in queste ultime tre uscite hanno portato sempre cinque uomini in doppia cifra. “Siamo in un buon momento – ammette Ciocca – ma il campionato è ancora lunghissimo ma effettivamente la squadra comincia ad assomigliare a quella che abbiamo pensato in estate. Purtroppo abbiamo ancora il dubbio-Sanlorenzo ma speriamo di recuperarlo all’ultimo momento almeno per qualche minuto di utilizzo questo pomeriggio”.

Agostino Galegati

da “Corriere di Romagna”

 


Comments are closed.