• 06/02/2011
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Acmar, vittoria da brividi

Acmar, vittoria da brividi

Acmar Ravenna – Scuola Basket Cavriago 69-67 (25-13, 38-31, 47-45)

ACMAR RAVENNA: Morigi ne, Poluzzi 1, Carrichiello 10, Davolio 8, Cicognani 3, Albertini, Pappalardo 8, Maioli 11, Sanlorenzo 18, Quartieri 10.

All.re: Ciocca

SCUOLA BASKET CAVRIAGO: Simonazzi 3, Fantini 3, Rossato, Cacciavillani 2, Ligabue, Evotti 13, Cervi 23, Pezzi 6, Diacci 17, Pellicciari ne.

All.re: Volpato

NOTE: T2: Rav 22/39 (56%) Cav 14/33 (42%). T3: Rav 4/16 (25%) Cav 6/26 (23%). TL: Rav 13/23 (57%) Cav 21/32 (66%).

RAVENNA – Soffertissima vittoria per l’Acmar che piega solamente nel finale e non senza brividi una Mecart mai

doma e che ha venduto cara la pelle.

Nel primo quarto l’Acmar disputa probabilmente i migliori dieci minuti di questa stagione mettendo in campo una difesa asfissiante che mette in grandissima difficoltà

Cavriago: dal 10-7 del 4’ i giallorossi piazzano un 11-0 firmato Quartieri e Pappalardo e volano sul +14. Solamente qualche palla persa di troppo limita il vantaggio locale: al 10’ è +12 sul 25-13.

Nel secondo quarto la musica sembra non cambiare: Ravenna sembra andare via sul velluto raggiungendo anche il +15 con l’unico canestro del primo tempo di capitan Davolio poi qualcosa si inceppa, complice anche l’infortunio a Pappalardo: la guardia romana è costretta ad uscire per un

risentimento al ginocchio operato a dicembre e Cavriago prende fiducia: con un controparziale di 10-2, complice un tecnico a Ciocca e qualche fischiata arbitrale un po’ discutibile, i reggiani arrivano all’intervallo lungo sotto di sole sette lunghezze.

Al ritorno in campo la partita diventa fisica e molto maschia: le difese prevalgono sugli attacchi e non si segna per un’eternità. I reggiani rosicchiano punto su punto dalla lunetta con un Diacci che mette in difficoltà i lunghi

ravennati, costretti a fermarlo con ripetuti falli. Quando poi comincia a entrare anche il tiro dalla lunga distanza di Evotti,Cavriago arriva in scia definitivamente: sono i piazzati di Sanlorenzo a tenere avanti l’Acmar in una serata difficile anche dalla lunetta.

Nell’ultimo quarto la Mecart non ne vuol sapere di mollare e

aggrappandosi a Diacci ed Evotti rimane a contatto. I giallorossi fanno una gran fatica contro la difesa a zona allungata dei ragazzi di coach Volpato e si affidano a Sanlorenzo e Maioli. Le triple di Diacci e Cervi siglano il pareggio a quota 59 poi Carrichiello va col canestro e fallo ma sbaglia l’aggiuntivo ed è ancora Cervi a impattare, poi ci pensa capitan Davolio a issare Ravenna sul +2 con un gran canestro a 54 secondi dalla fine. Ancora Davolio con uno splendido gancio mancino da il +4 ai giallorossi poi nel finale qualche errore di troppo dalla

lunetta rischia di costare caro all’Acmar che nonostante tutto riesce a portare a casa un successo fondamentale per rimanere in scia al duo di testa.

Riccardo Sabadini

 


Comments are closed.