• 27/11/2010
  • News
  • Commenti disabilitati su Ravenna – Santarcangelo, la conferenza stampa dei due allenatori

Ravenna – Santarcangelo, la conferenza stampa dei due allenatori

Massimo Padovano (coach Santarcangelo): “E’ stata una partita dai due volti. Abbiamo giocato molto bene nel primo tempo, siamo stati meritatamente avanti all’intervallo, per poi subire un black out molto importante, subendo un parziale devastante da Ravenna. Quel break poteva tagliarci le gambe, ma questi ragazzi hanno carattere, mettono l’anima in campo, e siamo riusciti a reagire. Ravenna è stata molto sfortunata, perché perdere Davolio prima dell’intervallo è qualcosa di pesante; noi non ne abbiamo approfittato, ma nel punto a punto Pesaresi ha deciso di svegliarsi al momento giusto. Siamo molto contenti di questa vittoria, perché è arrivata al termine di una settimana tribolata, nella quale mi sono dovuto arrabbiare spesso perché ho visto i ragazzi non sempre concentrati; sono stati invece in grado di stupirmi ancora, perché si sono presentati mentalmente bene in campo”.

Cesare Ciocca (coach Ravenna): “Abbiamo regalato due quarti agli avversari, ed è complicato vincere la partita giocando in questo modo. Santarcangelo ha giocato bene nei primi due quarti, ma se la nostra difesa concede 41 punti in 20’, quando normalmente ne concede 65 di media in tutta la partita, è evidente che ci è mancato qualche cosa a livello di determinazione. Ci siamo allenati molto bene in settimana, con la concentrazione che ci voleva, ma dobbiamo capire che alla domenica bisogna andare in campo dal primo minuto, e non solo nel secondo tempo. Abbiamo fatto molto lavoro, anche di qualità, ma se entriamo in questa maniera in campo, tutto è vanificato; con squadre “con le palle”, come Villafranca, Marostica o Santarcangelo, finiamo per andare ad intermittenza, e quindi per pagare dazio alla fine. E’ evidente che il nostro processo di maturazione, come squadra, è ancora da perfezionare, e Santarcangelo, che è squadra che gioca insieme da tanto tempo, è più avanti di noi. Spiace molto perdere così, perché abbiamo reagito da grande squadra in una situazione difficile, con Davolio che ha avuto un problema, con Pappalardo che gioca da quaranta giorni con le infiltrazioni, e con Sanlorenzo che è ancora al 30% della condizione. Se, partendo dal -9, Ravenna fa 21-0 di parziale, vuol dire che qualche cosa c’è, ed è un qualche cosa che tutta Ravenna sta apprezzando: evidentemente però, dal punto di vista mentale dobbiamo crescere per fare la differenza contro le squadre importanti. Serve essere più concreti ed andare in campo per riversare il nostro lavoro sugli altri”.

Miro De Giuli

Ufficio Stampa Acmar Basket Ravenna Piero Manetti

 


Comments are closed.