• 27/01/2009
  • Stampa
  • Commenti disabilitati su Zudetich suona la carica: “Acmar, ora dimostra quanto vali”

Zudetich suona la carica: “Acmar, ora dimostra quanto vali”

“Siamo partiti davvero bene, difendendo forte in difesa ed arrivando fino al 2-11: abbiamo messo la partita sui binari buoni, poi siamo andati in progressione, restando avanti per tutta la partita”. Stefano Zudetich, ala – pivot dell’Acmar, descrive con queste parole la partita che Ravenna ha disputato sul parquet di Anzola sabato sera, che è valsa la terza vittoria consecutiva ai giallorossi. Approffittando della contemporanea sconfitta di Ancona, nel derby giocato a Recanati, l’Acmar ha agguantato la quarta posizione in classifica, a quattro punti di distanza dalla coppia al secondo posto, formata da Verona e da Recanati. Per ottenere i due punti, i giallorossi hanno dovuto però contenere il ritorno dei padroni di casa, rientrati sul -4 (61-65, tripla di Bastoni) a 4’ dalla fine: “Anzola – spiega Zudetich – è rientrata nel finale, ma ce lo aspettavamo, d’altra parte è normale che la squadra di casa dia il tutto per tutto nei minuti finali. Abbiamo avuto un momento di crisi, ma l’abbiamo gestita molto bene, mantenendo il vantaggio dal primo all’ultimo minuto”.

Un successo ancora una volta di squadra, quello dei giallorossi, alla quinta partita al completo: “Ci stiamo allenando insieme – riprende il lungo ravennate – da due settimane, e la differenza si sente soprattutto in partita, che è un po’ lo specchio del lavoro fatto in precedenza. Giocando al completo, tutto viene più facile: prima, quando avevamo problemi fisici, era difficile allenarsi al 100%, c’era sempre qualcuno che doveva recuperare”. Sulle ali dell’entusiasmo, Ravenna si appresta a ricevere la Fortezza Recanati, nel big match della quarta di ritorno: “Sono una buona squadra – chiude Zudetich – con due stelle designate e tanti giocatori che antepongono la sostanza alla forma. Sono difficili da affrontare, ma vogliamo dimostrare di potere puntare alla zona alta della classifica: siamo in casa nostra, dovremo essere concentrati senza però avere paura. Sarà un test importante per noi, vogliamo fare capire che possiamo essere tra i più forti”.

Miro De Giuli

da “La Voce di Romagna”, 27/01/2009

 


Comments are closed.